Corsica e Sardegna

Di queste due splendide isole abbiamo conosciuto quasi esclusivamente le coste, esplorate con cura in vari viaggi effettuati nel tempo. Questa volta scopriremo di esserci persi qualcosa di veramente bello, fra cose da vedere e strade da… godere. Più volte ho avuto modo di commentare l’eccessivo ricorso, da parte dei miei colleghi mototuristi, all’aggettivo ‘mozzafiato’; i panorami che abbiamo visto noi in questo viaggio li lascerebbero a corto di aggettivi.

Imbarcati come al solito da Genova, arriviamo a Bastia. La nave sembra voler giustificare un pernottamento e una cena a bordo andando decisamente lenta. Anche il traffico di questa cittadina Corsa è mostruosamente lento. Finalmente ne usciamo e ci dirigiamo verso Asco, che si trova nella parte alta della omonima valle che serpeggia da Est verso Ovest ai piedi del monte Cinto. Le gole spettacolari, un rivo d’argento e una temperatura frizzantina sono quanto di più eccitante ci possa essere per viaggiare in moto.

img_20190514_120350
Asco, un paesino veramente grazioso
img_20190515_183654
Sopra e sotto: Gole dell’Asco (notare in alto la cascata che esce dalla roccia)

img_20190515_183723

Prendiamo hotel per due giorni e scopriamo quanto sia caro soggiornare in Corsica. Ci andammo negli anni ’90, e c’erano ancora i Franchi (nel senso di valuta :-); adesso, con l’Euro, il raffronto è immediato. E’ molto più cara della stessa Francia.

Facciamo un giro a Nord, fino a Ile Rousse, e giriamo l’interno, fermandoci nel grazioso paese di Belgodere. (Ogni commento su questo nome è a buon mercato)

img_20190514_164101
Panorama da Belgodere

Secondo giorno

Che atmosfera natalizia! Come sarebbe a dire? Si, natalizia. In mezzo alle montagne, in un grazioso alberghetto e… nevica! Nevica grosso così. Ehi!, ma non siamo al 15 di maggio? Gli albergatori giurano che anche loro non avevano mai visto nevicare così tardi. Non so se crederci. Alla faccia della ‘temperatura frizzantina’ di ieri.

img_20190515_093145

img_20190515_095316

dsc01511
Dopo la sfuriata di neve

Nel giro di un paio di ore smette. Dopo un’altra ora esce il sole, e dopo un’altra ora le strade sono asciutte. Risaliamo in sella, ma beccheremo ancora pioggia, poi sole, poi grandine, poi pioggia, ecc ecc. In questo modo andiamo a Corte, poi la D18 fino a Castirla, poi la D71 fino a Morosaglia e una deviazione fino a Castello di Rostino (dove però non ci sono castelli), infine torniamo ad Asco, ripercorrendo un’altra volta queste gole spettacolari.

Terzo giorno

Sarebbe un giorno di trasferimento, ma diventa una gioia continua. Il meteo è perfetto: terso e azzurro con temperature gradevoli. Percorriamo per l’ultima volta la valle dell’Asco, poi un breve tratto di statale veloce fino a Corte, quindi le splendide gole che portano a Calacuccia, poi la foresta del Valdu Niello, il Col de Verghiu (paesaggio bianco di neve e strada appena sgombrata). Riscendendo dall’altra parte, le gole di Evisa, il borgo di Porto coi suoi paesaggi marini e infine le maestose e splendide Calanche. Di tutto e di più nella stessa giornata.

Le strade, oltre che spettacolari, sono ben tenute, anche se non proprio perfette. Le curve sono ben disegnate, per cui guidarvi la moto è proprio appagante.

dsc09080
Salendo verso Calacuccia
dsc09082
Il Col de Verghiu
dsc09084
Calacuccia
dsc09085
La foresta del Valdu Niello
dsc09088
Scendendo verso Porto
dsc09091
Le Gole di Evisa
dsc09092
Porto. Fino a poco prima la neve; ora sembra di essere in Luglio
img_20190516_144120
Le Calanche

Ci fermiamo poco lontani dalla costa nella zona sud-occidentale dell’isola, nella zona di Petreto Bicchisano. L’hotel si chiama ‘U Mulinu’, mentre il precedente si chiamava ‘E Cime’. Sembrerebbe da questi nomi che l’idioma corso sia simile al dialetto genovese; d’altronde qui i Genovesi ne han combinate parecchie, nella storia.

Quarto giorno

Avendo preso l’hotel per due notti, oggi facciamo un giro ad anello. Saliamo al col di Bavella percorrendo una strada spettacolare come al solito, ma anche larga e piacevole. Nonostante qualche nuvola, si vede il doppio panorama: un mare da una parte e un mare dall’altra, ovvero i mari che bagnano sia la costa Est che la costa Ovest. Posto magnifico per un bel trekking… noi ovviamente ci limitiamo a passeggiare un po’. Scendiamo a visitare Sartene e Propriano; belle entrambe.

dsc09113
Prima del Col di Bavella
img_20190517_115241
Col di Bavella. Il mare verso Est….
img_20190517_115112
… e il mare verso Ovest

Presumo che lo Stato Francese provveda alla manutenzione delle strade, mentre nei territori strettamente comunali debba pensarci il comune stesso, con la conseguenza che in questa zona del Sud della Corsica, se la strada è ben tenuta, l’attraversamento dei paesi è un percorso di guerra.

Quinto giorno

Rifacciamo i bagagli e partiamo verso Bonifacio, all’estremità Sud dell’isola. Il paesaggio si fa’ più… sardo.

img_20190518_115558
Poco prima di Bonifacio, arrivandoci da Ovest, paesaggio che cambia… verso il Sardo
dsc09153
Bonifacio

Prendiamo un acquazzone nella zona di Sartene, l’unico della giornata per fortuna. Bonifacio è una cittadina spettacolare, edificata su una roccia a picco sul mare, dall’urbanistica evidentemente ligure. I vicoli, affollati anche in questa stagione, presentano un susseguirsi di ristoranti, bar, negozi di souvenirs e di prodotti tipici. Siamo nell’agenzia di informazioni turistiche, e mentre attendiamo il nostro turno vedo un quaderno dove i visitatori scrivono liberamente i propri commenti. Prendo la penna e scrivo: “Per i motociclisti la Corsica è come una GIOSTRA”. Arriviamo qui con l’intenzione di traghettare in Sardegna, ma non ci sono traghetti da metà mattinata fino alle 15,30. Il che significa, guarda caso, dover pranzare qui.

All’inizio ho accennato alla costosità della Corsica: tanto per farvi un’idea, pranziamo a Bonifacio con una zuppa, un dolce e bevendo solo acqua, spendendo esattamente come a cena, a Tempio Pausania, dove invece prendiamo primo, secondo, dolce e vino. Anche traghettare da Bonifacio a Santa Teresa di Gallura, che pure è una distanza esigua, costa caro: circa il 70% di quanto abbiamo speso per traghettare dalla Sardegna a Genova, con tanto di cabina esterna.

Andiamo, come detto, a Tempio Pausania. L’impatto con l’interno della Sardegna è magnifico da subito: strade spettacolari e lisce, sapori rustici, mentre dei prezzi ho detto. Nonostante l’abitudine ad adattarmi ad ogni tipo di cucina, tornare al tocco dei nostri chef è sempre un piacere.

Sesto giorno

Oggi il tempo è buono, ma le previsioni meteo per i prossimi due giorni sono pessime, per cui, se dobbiamo restare bloccati è meglio prendere albergo in una città; qualcosa da fare vi si trova. Scegliamo quindi Nuoro, che però si rivelerà il capoluogo di provincia più povero di attrattive che abbia mai visitato. Usciamo da Tempio Pausania e sbagliamo strada, il che si rivela quasi una fortuna. Arriviamo infatti a metà strada per Sassari prima di accorgercene, e correggiamo percorrendo una strada secondaria straordinariamente bella. Passiamo quindi da Oschiri e da Ozieri.

dsc09170-1
Primo assaggio di panorami Sardi

A Nuoro l’albergatore ci consiglia di fare qualche chilometro per visitare la sorgente Su Gologone, un luogo suggestivo che vede uscire dalla roccia viva un rivo di acqua limpidissima.

dsc09174
La fonte ‘Su Gologone’. Osservare la limpidezza dell’acqua.

Anche questa volta, per arrivarvi, sbagliamo strada. Le segnalazioni, in tutta la Sardegna, sono approssimative e quasi sempre mancanti negli incroci importanti. Tipico esempio: dentro ad un abitato vediamo l’indicazione che ci interessa, per la città X. Seguendola, arriviamo ad una rotonda su cui convergono quattro o cinque strade, e non c’è lo straccio di un cartello. Non resta che fermare un automobilista (cosa non facile) o avere la fortuna, come è capitato a noi, di trovare operai dell’ANAS intenti a falciare le erbacce a bordo strada.

Settimo giorno

Sembra che per la mattinata non debba ancora piovere, per cui ci rechiamo ad una ventina di chilometri da Nuoro, a Orune, per vedere alcuni resti della civiltà nuragica. Arriviamo viaggiando fra sughereti e monti scoscesi, facciamo una bella camminata e ci fa’ da cicerone il simpatico cagnolino della bigliettaia. Per tornare alla base, a Nuoro, becchiamo acqua. Il pomeriggio lo trascorriamo passeggiando sotto la pioggia in questa città anonima.

dsc09185
Resti della civiltà nuragica: ‘Su Tempiesu’, con la nostra guida, Artù (in posa!)

Ottavo giorno

Finalmente ci lasciamo alle spalle Nuoro, sbagliando di nuovo strada per la solita segnaletica fantasma. Fra panorami stupendi arriviamo a Isili. Facilmente? No, Isili, non easily! (ha pure la pronuncia sdrucciola)

dsc09201
Scorcio di Gennargentu
dsc09203
Panorama Sardo
dsc09207
Panorama Sardo
dsc091681-1
Atzara: si, è proprio Sardegna !

Visitiamo un nuraghe splendido con una guida entusiasta che ci inonda di parole e di dépliants. Di fianco al nuraghe passano le rotaie, arrugginite, di una ferrovia a scartamento ridotto. Pare che funzioni solo noleggiandola come un charter, deve essere affascinante. Scendiamo ancora (nel senso che ci muoviamo verso Sud) e, finito il Gennargentu, il panorama cambia. Stiamo per scoprire che, se la Corsica è una giostra, la Sardegna meridionale, all’interno, è un parco divertimenti; per panorami e strade. Non per niente qui sfrecciano gruppetti di motociclisti provenienti da mezza Europa: Germania, Austria e Svizzera su tutti, ma ho visto Francesi, Belgi, Ceki e persino Maltesi. Quando ci fermiamo in un bar o al distributore, come ci vedono abbigliati da motociclisti, si rivolgono a noi in inglese. E’ che sono ben pochi gli italiani che vanno in ferie a maggio, per cui voglio sperare che almeno in luglio e agosto la rappresentanza nazionale sia più nutrita.

img_20190521_150511
Nuraghe ‘Is Paras’, a Isili

Mandas è il posto perfetto per soggiornare in un agriturismo, ma il gestore è assente e non risponde al telefono. Mi richiamerà, ma troppo tardi. Mah, io ci terrei molto a lavorare… In giro per l’Italia questa cosa capita spesso, in bassa stagione. Finiamo infatti in un b&b meno spettacolare a Dolianova, ma con gestori più svegli.

Nono giorno

Altro giro ad anello. Qui, Sardegna meridionale, all’interno, girare in moto è il massimo. Valli aperte, altipiani, paesaggi western, zone brulle. Tutte le strade sono da percorrere, anche secondarie, e ognuna è veloce e riserva una sorpresa. Da queste parti hanno girato molti film “western all’italiana” negli anni ’70.

dsc09219
Panorama Sardo
dsc09220
Panorama Sardo
dsc09223
Panorama Sardo
img_20190522_103627
Panorama Sardo
dsc092251
Panorama Sardo

Visitiamo il nuraghe Arrubiu di Orroli (grandioso!) e l’altopiano della Giara a Gesturi. E’ una delle giornate migliori del viaggio.

dsc09226
Nuraghe ‘Arrubiu’, Orroli
dsc092401
Panorama Sardo
dsc09245
Panorama Sardo

Decimo giorno

Decidiamo di andare a Cagliari, che è a pochi chilometri. Ovviamente non ci andiamo per via diretta, ma allungando parecchio. Andiamo infatti verso Est fino a Punta Salinas (raggiungiamo per la prima volta in questo viaggio il mare sardo) e poi un’altra strada interna, parallela alla costa.

dsc09250
Panorama Sardo
dsc09252
Panorama Sardo

Anche oggi panorami stupendi, ancora diversi dai precedenti.

dsc09257
Verso Punta Salinas
dsc09259
Spiaggia di Punta Salinas. Una spiaggetta…

Pomeriggio di grande scarpinata in quel di Cagliari, ma ne valeva la pena.

dsc09288
Cagliari

Undicesimo giorno

Nuovo trasferimento; stavolta per andare verso Nord percorriamo le strade interne più a Ovest, evitando la superstrada Carlo Felice. Belle, ma non come nei due giorni precedenti. Decimomannu, Villasor (con sosta infinita ad un passaggio a livello), Villacidro, Guspini, Sardana, Collinas, Ales, Usellus, Villaurbana, Simaxis, Fordongianus, Busachi, Ghilarza, Abbasanta, Santulussurgiu, Cuglieri, Tresnuraghes. In quest’ultimo paese troviamo un signor hotel, molto più elegante e molto più economico dell’anonimo hotel del capoluogo. Le città sono sempre più care, si sa.

Dodicesimo giorno

La celeberrima Bosa – Alghero l’abbiamo già percorsa nel 2008, (Viaggio del 2008, e il resto del periplo) ma dopo tanti anni, ripercorrerla non è certamente troppo ripetitivo, anzi, è una gioia. Peccato per l’asfalto, che a dispetto delle ottime condizioni generali delle strade Sarde, questa non si può proprio dire che sia perfetta.

img_20190525_101927
Scorcio dalla Bosa – Alghero

E già che ci siamo torniamo anche a Capo Caccia. Spettacolo. Stando alle informazioni raccolte sul Forum di Mototurismo, c’è anche una Bosa – Alghero alternativa, all’interno. Bene, la percorriamo al ritorno. Non si vede il mare, ma è ugualmente bella.

dsc09348
Panorama Sardo, Alghero – Bosa passando all’interno

Tredicesimo giorno

Pioggia, pioggia e ancora pioggia, per cui non usiamo la moto. Imborghesiti? Si. Non più motociclisti duri e puri? Si. Siamo ormai un poco stagionati ed anche stufi di tanta acqua. Nel pomeriggio scendiamo in taxi a Bosa e torniamo a Tresnuraghes in autobus. Stare tutto il giorno fermi in hotel, per quanto accogliente, non è comunque da noi.

Quattordicesimo giorno

E’ il giorno dell’imbarco per tornare a casa. Breve e veloce il trasferimento a Porto Torres; non piove ma minaccia, per cui ci andiamo quasi diretti. Nonostante le nuvole, anche qui paesaggio e strade belle, basta evitare la superstrada e ripassare da Alghero. (E indovinare ai bivii privi di segnaletica)

img_20190527_173438
Eccoci a Porto Torres. Le nuvole si sono allontanate e non torneranno per un bel po’.

Ciao, isole, siete magnifiche. Certo potevate accoglierci con un meteo migliore, ma… vi perdono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.